Finanza e gestione rischio cambio
News Index
Di Marta Cobo

A tu per tu con Inlea, il primo cliente di Kantox: scelta avventata o geniale intuizione?

Pubblicato 1 Ottobre, 2015

150928_Foto INLEA

Ancora oggi, dopo cinque anni, Ivan Lopez e Natalia Galan di Inlea (una fondazione, con sede a Barcellona, che si occupa di aiutare professionisti a realizzare i loro progetti imprenditoriali) non sanno con esattezza se definirsi dei precursori o degli sprovveduti per essere diventati, nel 2011, i primi clienti di Kantox, dopo averne seguito da vicino il processo di nascita e crescita.

Attraverso il programma di orientamento Link to Start, destinato a startup innovative e progetti imprenditoriali, la fondazione Inlea ha infatti accompagnato Kantox in qualità di mentore lungo il suo percorso di crescita. Kantox, grazie ad Inlea, è passata quindi dall’essere una semplice ma ambiziosa idea a diventare un’azienda affermata. Ma non è finita qui: Inlea infatti non ha mai smesso di scommettere sul successo di Kantox e ne è diventata il primo cliente!

La Fondazione Inlea è stata il primo cliente di Kantox. Vi ritenete più dei precursori, o pensate magari di aver fatto una scelta avventata, che poi fortunatamente si è rivelata azzeccata?

Bella domanda! Beh, forse più che ritenerci degli sprovveduti fortunati o dei precursori, sarebbe giusto dire che abbiamo saputo cogliere un’ottima opportunità. Nel momento in cui siamo diventati clienti conoscevamo già il progetto di Kantox, che stavamo seguendo in qualità di mentori con il nostro programma Link to Start, aiutandola a crescere. I servizi che Kantox offriva ben si adattavano alle nostre esigenze, e quindi non avevamo niente da perdere a diventare clienti. Inoltre, ci piaceva particolarmente l’idea di rompere gli schemi ed essere proprio noi i primi a scommettere su Kantox: il modello di business proposto ci sembrava chiaro e conveniente. E poi avevamo piena fiducia nei responsabili del progetto, e così ci siamo detti: beh, perché no?

Quando e perché avete iniziato quindi a lavorare con Kantox?

Abbiamo iniziato nel 2011 e a tutt’oggi continuiamo ad essere tra i clienti più fedeli. La nostra fondazione ha guidato Kantox durante il suo percorso da startup ad azienda affermata attraverso il programma Link to Start e Toni Rami, cofondatore di Kantox, non finiva mai di elogiarne i vantaggi che Kantox è in grado di offrire. E così, spinti da questa sua iniziativa, abbiamo deciso di iniziare a lavorare con Kantox per vedere se quanto sosteneva Toni corrispondeva al vero. Avevamo inoltre l’esigenza di avvalerci dei servizi offerti da Kantox per la gestione delle valute estere a cadenza regolare.

I fondatori di Kantox considerano Sonia Mulero, direttrice della fondazione Inlea, un po’ come la “madre” dell’azienda. Sentite questa responsabilità con un certo peso?

Eheheh… mentiremmo spudoratamente se dicessimo di no! A dirla tutta, però, il progetto Kantox si muove con le proprie gambe da un bel po’ di tempo ormai. In qualità di rappresentanti del gruppo Inlea possiamo affermare che siamo orgogliosi di aver contribuito alla nascita e allo sviluppo di Kantox, e quindi non si tratta davvero di un peso o di una responsabilità. Kantox è il perfetto esempio di una startup di successo. Le nuove startup dovrebbero guardare a Kantox come a un modello e cercare di seguire la stessa strada. Ricordiamo quando Kantox ha iniziato a farsi strada nel panorama finanziario internazionale, e la stampa e i media hanno iniziato sempre più a parlare di questo progetto innovativo e del crescente volume di affari generato dalla piattaforma. La fondazione Inlea è stata spesso citata in articoli e comunicati in qualità di mentore di Kantox, ed è stato così che Kantox ha iniziato a farsi un nome, a imporsi sul mercato e a diventare parte della storia. E certo, sappiamo bene che Kantox avrà sempre un posto speciale nel cuore di Sonia.

C’è stato qualche momento in cui avete avuto dei dubbi… magari dovendo chiudere un’operazione con Kantox?

Ti rispondiamo sinceramente: all’inizio della collaborazione abbiamo deciso di impegnarci nello scambio di flussi monetari con una azienda controparte. Toni si occupava di verificare se fosse possibile trovare, per l’appunto, una azienda che fosse adatta ad essere nostra controparte e fosse complementare alle nostre caratteristiche. Certo, si tratta di operazioni rischiose e forse, in qualche occasione, raggiungere un accordo ha richiesto un lavoro più impegnativo, ma dobbiamo ammetterlo: Toni si è sempre fatto in quattro per trovare una soluzione che facesse al caso nostro, e, alla fine, è andato tutto benissimo. Quindi, anche ammesso che ci siano stati dei dubbi all’inizio… possiamo dire che sono stati spazzati via ben presto!

Che cosa pensate dell’idea di Kantox di creare un sistema finanziario più equo e con più trasparenza?

Si tratta sicuramente di un traguardo ambizioso, ma crediamo che sia possibile. Abbiamo visto Kantox crescere e diventare la grande azienda che è oggi. Solo Toni e Philippe sanno dove possono arrivare e siamo certi che, se si propongono di rendere il sistema finanziario più equo e trasparente, ci riusciranno in pieno!

Quando avete capito che Kantox sarebbe diventata un’azienda di successo?

Beh, diciamo che ci abbiamo creduto fin dall’inizio, ma quando Philippe mi contattò per dirmi che il Wall Street Journal voleva intervistare alcuni clienti di Kantox per conoscere la loro opinione… è diventato evidente! Non credo ci sia bisogno di aggiungere altro quando si arriva a comparire in una testata di riferimento come il Wall Street Journal. Tutto questo è stato possibile grazie all’incredibile lavoro di squadra che contraddistingue il team di Kantox. Toni e Philippe sono riusciti a creare un team di professionisti preparati e affidabili che li hanno portati a realizzare il loro sogno.

Quale sarà il futuro di Kantox?

Innanzitutto vogliamo congratularci con Kantox per aver raggiunto la cifra di 2000 milioni di dollari in operazioni in un tempo record. Proprio per via di questo incredibile traguardo è difficile immaginare dove si possa arrivare, difficile pensare a un limite! Kantox e il suo team hanno tutto ciò che serve per andare lontano. Probabilmente, tra qualche anno, vedremo Kantox come il progetto che ha segnato una svolta nel mondo della finanza internazionale.

Avatar

Lascia un commento

*